Area stampa

PD Milano Metropolitana

Amministrative 2020: "Premiato il buon governo, adesso lottiamo per Corsico e Legnano”

MILANO - Il Partito Democratico e le liste civiche del centrosinistra confermano i Comuni che governavano e strappano alla destra Vittuone, con Laura Bonfadini Sindaca, e Cuggiono con Giovanni Cucchetti Sindaco. Al primo turno vittoria nei Comuni di Baranzate, Bollate e Segrate riconfermando bravi sindaci come Luca Elia, Francesco Vassallo e Paolo Micheli. Vanno al ballottaggio, invece, Corsico con Stefano Ventura e Legnano con Lorenzo Radice.

"Queste elezioni ci consegnano un segnale positivo e di speranza – afferma la segretaria metropolitana del PD, Silvia Roggiani - i cittadini si fidano del Partito Democratico. Il PD guida coalizioni che vengono scelte, da chi vive sui territori, contro l’incapacità della destra di realizzare politiche a sostegno di cittadine e cittadine o di gestire i trasporti, contro l’assenza di trasparenza e gli scandali che hanno condizionato tante amministrazioni di centrodestra e Lega in questi anni. Il nostro modo di amministrare è quello di comprendere i bisogni delle persone, una linea espressione di responsabilità e serietà che è stata premiata e apprezzata da tanti cittadini, stanchi di una politica oscura e calata dall’alto, dove a prevalere sono i giochi di partito e gli interessi personali, a scapito di quelli della comunità.

Quelli di oggi sono risultati positivi ma sui quali non intendiamo sederci, perché ci aspettano due importanti battaglie da vincere nei due Comuni commissariati di Corsico e Legnano. Due città che meritano un volto e un’occasione nuova di rinascita, dopo anni in cui le amministrazioni leghiste hanno calpestato i bisogni dei cittadini e perfino la legalità. Il mio in bocca al lupo e gli auguri di buon lavoro ai sindaci e alle sindache che hanno vinto, e un ringraziamento alle donne e agli uomini che si sono messi in gioco con il PD e il centrosinistra per il bene dei loro concittadini” – conclude la segretaria dem Silvia Roggiani.

Referendum: "PD già al lavoro per ampio processo di riforma e cambiamento"

MILANO - "La maggioranza degli italiani ha detto sì alla diminuzione dei parlamentari e adesso è necessario e imprescindibile andare avanti con un vero e ampio processo di riforma, non solo per tener conto delle ragioni dell'oltre 30% dei cittadini che, attraverso il no ha fatto emergere le preoccupazioni di un taglio lineare e fine a se stesso, ma soprattutto per portare avanti quello che da sempre sosteniamo.

Per questo come Partito Democratico, già da oggi, siamo al lavoro per completare le riforme istituzionali che servono al Paese e aprire una stagione nel solco di un cambiamento più profondo di quello votato. Un cambiamento che vada nella direzione di garantire la piena rappresentanza territoriale e di genere, e un più efficiente funzionamento di Camera e Senato.

Il Partito Democratico si conferma forza centrale nel Paese e il voto di oggi, compreso il risultato delle elezioni regionali, fotografa il rifiuto da parte degli italiani delle ricette facili del populismo, ribaltando gli auspici di chi pronosticava una vittoria di Lega e destra, e quindi una spallata al Governo, che adesso deve andare avanti con ancora più coraggio. Dai risultati, infatti, - sebbene ancora incompleti - si va delineando un segnale positivo e di fiducia nel Governo e nell'azione del PD, che si conferma l'unica alternativa alla retorica vuota e demagogica, come forza politica seria, responsabile e al lavoro sui territori, al fianco delle cittadine e dei cittadini per rispondere ai loro bisogni".

Così in una nota la segretaria metropolitana del PD Milano Silvia Roggiani.

Summit salute: "Ottima notizia candidatura, adesso governo sostenga Milano e Bergamo"

MILANO - "È un’ottima notizia quella della candidatura di Milano e Bergamo come sedi del G20 sulla Salute che, come annunciato dalla Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, si terrà in Italia nel 2021. Adesso c'è bisogno che il Governo sostenga convintamente la proposta dei Sindaci Beppe Sala e Giorgio Gori. Per Milano e Bergamo si tratterebbe, infatti, di un importante riconoscimento del ruolo che le due città lombarde hanno avuto nell'emergenza sanitaria. La Lombardia, si sa, ha pagato il prezzo più alto di questa crisi pandemica, con una risposta da parte dei nostri medici e operatori sanitari che è stata eccellente e straordinaria, nonostante i macroscopici errori di una Regione rivelatasi troppo spesso inadeguata e incapace. Questo summit, inoltre, rappresenta una grande opportunità per ripensare la sanità in ottica comunitaria perché, come ha dimostrato l'esperienza del Covid19, c'è bisogno di una gestione collettiva e di protocolli comuni per far fronte a future emergenze sanitarie. E sono certa che Milano e Bergamo, città all'avanguardia nei settori sanitario e farmaceutico, sapranno onorare questa sfida".

Così in una nota la Segretaria metropolitana del PD, Silvia Roggiani, in merito alla proposta congiunta dei Sindaci Giuseppe Sala e Giorgio Gori di candidare Milano e Bergamo come sede del G20

Castano Primo: "Dalla parte del sindaco Pignatello"

MILANO - "Le innumerevoli e pensanti minacce di stampo mafioso e fascista, l'ultima solo ieri, denunciate dal primo cittadino di Castano Primo, Giuseppe Pignatiello, sono gravissime e intollerabili. Esprimiamo piena solidarietà e vicinanza al Sindaco che, in questi anni, non si è mai arreso di fronte alla violenza, anzi ha proseguito con coraggio nella sua azione democratica e nell'interesse unico dei suoi cittadini. Una persona onesta e pulita, che non abbasserà mai la guardia di fronte a chi vorrebbe intimidirlo e costringerlo a soccombere. Senza ombra di dubbio siamo dalla sua parte e, con lui, non smetteremo di denunciare chi vorrebbe far prevalere una cultura fascista e antidemocratica. Perché il Partito Democratico è al fianco di tutti coloro che difendono i valori della Costituzione e dell'Antifascismo, e lo sarà sempre".

Così in una nota la segretaria metropolitana Silvia Roggiani esprime solidarietà al sindaco di Castano Primo Giuseppe Pignatiello che ha denunciato su Facebook di aver ricevuto gravi minacce.

Addio a Cini Boeri: "Donna favolosa e coraggiosa, Milano le deve tanto"

MILANO - "Ci lascia Cini Boeri, intellettuale, femminista, architetta, design, staffetta partigiana. Donna favolosa e coraggiosa, capace di sfidare i pregiudizi con la forza della tenacia e del lavoro. Erano gli anni Cinquanta quando si laureò al Politecnico, nessuno avrebbe scommesso su di lei perché donna e, invece, dimostrò a tutti che si erano sbagliati. Milano piange un personaggio che ha dato tanto a questa città, che ha saputo conquistarsi una stima a livello mondiale. Una donna, la cui eredità vivrà anche dopo la sua scomparsa. Il mio abbraccio alla famiglia"

Così in una nota la segretaria metropolitana Silvia Roggiani esprime, a nome di tutto il PD Milano Metropolitana, cordoglio per la scomparsa di Cini Boeri.

Contatti.

PARTITO DEMOCRATICO 
MILANO METROPOLITANA


Via Roberto Lepetit, 4
20124 Milano

Tel. (+39) 02 6963 1000
Fax (+39) 02 6963 1023

Partito Democratico
Milano Metropolitana


Social


© Copyright 2020 - PD Milano Metropolitana