le idee > blog > Pagare tutti, pagare meno
25 OTTOBRE 2019

Pagare tutti, pagare meno

No, porre un freno all'utilizzo di 3000 euro in contanti non è la negazione di un diritto. E no, il piano varato dal Governo per contrastare l'evasione fiscale, e incentivare l'utilizzo della moneta elettronica, non colpiscele fasce più deboli. 

Ieri (giovedì ndr) ero in tv a parlare della nuova manovra, quando mi sono trovata a dover controbbatere la solita propaganda menzogniera della destra, che cercava  (come al solito) di far passare il messaggio per cui si colpisce "sempre la vecchina delle case popolari".

No, non è così. 

 

L'Italia è il Paese in Europa col più alto tasso di evasione fiscale (parliamo di circa 190 miliardi) e contrastare l'evasione fiscale è una battaglia di equità e giustizia sociale. 

Bisogna avere il coraggio, come sta facendo il Partito Democratico, di ammettere che pagare le tasse è un investimento pubblico sul futuro e che pagarle è giusto, oltre che necessario. Noi vogliamo colpire i grandi e piccoli evasori, coloro che spesso evadono non per necessità, ma per una certà mentalità che li porta a credere che non pagare le tasse sia più una cosa da furbi.

Ma chi evade ruba a tutti noi, ruba soldi che lo Stato potrebbe investire per il benessere di tutti, per le scuole dei nostri figli, per le Università dei nostri ragazzi, per la sanità e per i trasporti. 

 

I governi di destra che ci lasciamo alle spalle hanno sempre, più o meno indirettamente, giustificato o incentivato l'evasione, con frasi che gettavano discredito sulle istituzioni, fino ai vari condoni.

Questa maggiornaza sta attuando un cambio di passo e con l'abbattimento del tetto del contante e l'introduzione di incentivi per il pagamento tracciabile va proprio nella direzione opposta. 

Ecco perché quando Giorgia Meloni scrive su Facebook "Se papà vorrà donare più di 1000 euro al proprio figlio dovrà farlo per forza con bonifico, altrimenti multa salata" fa cattiva informazione e diffonde una cultura sbagliata e fallace. 

 

L'Italia nella quale crediamo è un'Italia più giusta. Un'Italia che punisce chi sottrae risorse destinate alle famiglie e allo sviluppo del Paese. Un'Italia che non premia o fa sconti a chi fa concorrenza sleale alla stragrande maggioranza di italiani onesti che oggi pagano le tasse.